Tagliatelle con i piselli freschi (lasagne coi bisi)

image

Sono arrivati i piselli freschi, che bello non vedevo l’ora!

E quindi via ad aprire i baccelli tutti assieme raccontandoci della giornata per arrivare a una gustosissima … scorpacciata!

Quest’anno siamo riusciti a partecipare alla Sagra dei Bisi a Lumignano, una piccola località in provincia di Vicenza, ai piedi dei Colli Berici, famosa per la produzione di piselli (“bisi” in veneto) piccoli, dolci e precoci, come narrato in questo sito. I piselli sono veramente unici, così come l’ambiente naturale che fa da cornice al paese.

image

A casa abbiamo replicato la ricetta tipica: le tagliatelle con i piselli, o meglio, le “lasagne coi bisi”.

image

Ingredienti per 4 persone

– 500 g di piselli freschi sgranati

– 500 g di tagliatelle fresche all’uovo

– 2/3 fette di pancetta

– un mazzetto di prezzemolo fresco

– 1 spicchio d’aglio

– 1 cipolla

– olio extra vergine di oliva

– 50 g di burro

– parmigiano grattugiato

Tagliate finemente la cipolla e l’aglio e a tocchetti sottili la pancetta.

image

Mettete a rosolare con l’olio fino a quando la cipolla diventa trasparente, quindi aggiungete i piselli risciacquati in acqua corrente e un paio di bicchieri d’acqua.

Salate, pepate e fate cuocere a fuoco moderato per circa un quarto d’ora.

image

Nel frattempo mettete l’acqua sul fuoco per cuocere la pasta.

Mescolate ogni tanto i piselli e coprite se si asciugano troppo. Aggiungete verso fine cottura il burro e del prezzemolo tritato.

Scolate le tagliatelle quando sono ancora ben al dente, per spadellarle con il sugo di piselli.

image

Una grattugiata di parmigiano, un filo d’olio e buon appetito!20150521_185757

Annunci

Risi e bisi (riso con i piselli)

image

Adoro i piselli e le ricette della tradizione veneta… Con questo piatto ho fatto l’en plein!!

Questa delizia, a metà tra un risotto e una minestra, fa parte dell’antica tradizione culinaria della Serenissima Repubblica di Venezia, diffusasi fino ai territori del vicentino. I piselli coltivati alle pendici dei Colli Berici, a Lumignano, in provincia di Vicenza, erano apprezzatissimi a Venezia e richiesti ogni anno per il pranzo offerto al Doge il 25 aprile, festa di San Marco, patrono della città.

É un piatto decisamente primaverile perché si può fare solo quando arrivano i piselli freschi, dei quali non si butta via niente: con i baccelli infatti  si ottiene il brodo, che conferisce il colore e il sapore tipici al piatto.

Ingredienti per 4 persone:

– 1 kg di piselli freschi ( con il baccello)

– 50 g di pancetta

– 2 bicchieri di riso Vialone nano

– un mazzetto di prezzemolo

– mezza cipolla

– olio extra vergine di oliva

– burro e grana padano per mantecare

Sgranate i piselli e metteteli da parte. Lavate i baccelli e metteteli a cuocere in abbondante acqua salata bollente fino a quando saranno teneri (circa mezz’ora). Frullateli e passateli al setaccio per ottenere il brodo.

image

Fate imbiondire la cipolla sminuzzata in due cucchiai di olio evo e aggiungete subito del brodo per farla rimanere morbida. Insaporite assieme la pancetta tagliata molto sottile.

image

Versate il riso e, dopo averlo tostato, del brodo caldo. Dopo 5 minuti aggiungete i piselli, il prezzemolo e continuate la cottura aggiungendo del brodo quando serve.

image

Regolate di sale e pepe. A cottura ultimata mantecate con del burro e grana padano.

La tradizione vorrebbe il riso “brodoso” ma questo dipende dai gusti… sicuramente é da servire almeno all’onda!

image

Che dolcezza….sembra di gustare la primavera nel piatto!