Pane senza impasto

Il pane più semplice da fare che ci sia, é arrivato a casa nostra qualche mese fa, con l’acquisto dell’apposita teglia in ghisa, la “duch oven” (forno olandese). Ci vuole solo un po’ di tempo per la lievitazione e una forchetta per miscelare gli ingredienti. 

Ricetta facilissima dalle grandi soddisfazioni! 

Se non avete la pentola in ghisa, potete usarne una in terracotta o in acciaio, con il coperchio, l’importante é che possa andare in forno. Il momento giusto per fare l’impasto secondo noi é il pomeriggio, per avere il pane appena sfornato per il pranzo del giorno successivo.

Ingredienti per una pagnotta:

– 300 g farina 0 o 1

– 200 g farina manitoba 

– 80 g farina di semola

– 370 g di acqua 

– 1 cucchiaino colmo di sale fino

– 3 g di lievito di birra fresco

Sciogliete il lievito in parte dell’acqua, a temperatura ambiente. 

In un grande recipiente versate le farine, il sale, l’acqua rimanente e quella con il lievito e mescolate velocemente con una forchetta. Coprite con la pellicola e lasciate riposare per almeno 18 ore a temperatura ambiente (in estate ne bastano 12). 

Passato questo tempo, trasferite l’impasto in una spianatoia per fare 4 pieghe a croce, tirando l’impasto verso l’esterno per poi chiuderlo.

Lasciate riposare e lievitare così, coperto con un canovaccio, per un’altra ora e mezza, quindi accedente il forno a 240 gradi, statico, con la pentola dentro.

Raggiunta la temperatura, adagiate l’impasto nella pentola aiutandovi con due spatole e facendo attenzione a non scottarvi.

Fate cuocere con il coperchio per 30 minuti e poi senza per altri 20 minuti, finché vedrete la crosticina prendere un invitante colore dorato e … croccante!

Si può gustare non appena si é raffreddato un po’, fuori dalla pentola.

“Non in solo pane vivit homo”… mai come in questo periodo lo stiamo sperimentando!

Il pasticcio, ovvero le lasagne al ragù

Cosa c’è di più “casalingo” del pasticcio, come lo chiamiamo noi in famiglia ma un po’ in tutto il Veneto?! Si tratta delle lasagne alla bolognese, un piatto che, dopo la pizza, rappresenta la cucina italiana nel mondo, quella semplice ma buona, che parte dalla pasta. E, tornando al casalingo, cosa c’è di più facile in questi giorni da fare tutti insieme a casa? Perché a casa dobbiamo stare, su questo non abbiamo dubbi!

La nostra ricetta è quella super collaudata della nonna Luigina: besciamella e ragù insieme, per un risultato ancora più morbido e quasi dolce. Un bel “pasticcio” insomma, che però non ha proprio nulla da farsi perdonare!

Ingredienti per una teglia (6/8 persone):

– 1 kg di carne macinata mista

– 750 ml di passata di pomodoro

– 1 confezione da 12 di lasagne fresche sottili

– 1 litro di latte

– 1 hg di burro

– 1 hg di farina bianca

– verdure per il ragù (carote, cipolle, sedano) e erbe aromatiche (salvia e rosmarino)

– formaggio grana.

Sul ragù di carne, ogni famiglia ha la sua concezione: noi lo facciamo partendo da un soffritto di cipolla, carote e sedano, al quale aggiungo la carne, tenendo la fiamma alta, finché perde il colore rosso. Poi aggiungo la passata fatta in casa (sempre con lo “zampino” della nonna), in questo caso 750 ml, qualche foglia di salvia e un rametto di rosmarino (che poi tolgo), sale e pepe. Lascio sobbollire per almeno due ore, e poi riposare una notte, se possibile.

Per la besciamella, sciolgo il burro e aggiungo, lontano dal fuoco, la farina, mescolando bene, finché non diventa scura e il naso mi dice che si è cotta (gli chef parlano di  “roux” ). Aggiungo un pizzico di sale e il latte un po’ alla volta (meglio se fresco e intero) e quando non ci sono più grumi, rimetto sul fuoco per circa 5 minuti, il tempo che si addensi un po’, sempre mescolando. Se vi piace, un pizzico di noce moscata per ottenere il classico gusto da besciamella.

Aggiungo il ragù e ho tutto per comporre il pasticcio. Ora arrivano in aiuto le ragazze e il piccoletto: chi appoggia la pasta, chi grattugia il formaggio, chi versa la salsa. A ognuno il suo compito, dopo una “contrattazione” iniziale che lascio si sbrighino da soli!

Ah non l’ho ancora detto: i puristi useranno la pasta fatta in casa, e fanno bene, ma anche con quella già pronta il risultato è egregio!

La composizione quindi prevede: partire con un po’ di condimento, poi la lasagna, coprirla bene con ragù e besciamella, grattugiare generosamente del formaggio grana, quindi ricominciare con la lasagna.

Cottura in forno a 190 gradi per circa mezz’ora, e cinque minuti a riposare prima di servire.

Una mattonella a testa, un buon lavoro di gruppo!

IMG-20200321-WA0004

Strudel veloce

Lo strudel è profumo. Profumano i suoi ingredienti e profuma il pensiero di gustarlo in una baita in montagna. 

Riuscire a farlo a casa, in un tempo giusto, può dare profumo a una giornata uggiosa come questa!

Ingredienti per uno strudel:

– una confezione di pasta sfoglia

– 3 mele

– uvetta a piacere

– una manciata di pinoli

– 3 noci

– 4 cucchiai di pane gratuggiato

– 1 limone

– cannella e zucchero di canna

– 50 g di burro

– zucchero a velo

Per prima cosa sbucciate le mele, tagliatele a fettine e quindi a pezzetti. In una ciotola, aggiungete 2 cucchiai di zucchero di canna, la buccia gratuggiata e il succo di mezzo limone, i pinoli, l’uvetta, le noci spezzettate e la cannella in polvere. Accendete il forno per portarlo a 200 gradi.

Mescolate bene e srotolate la pasta sfoglia. Tostate il pane gratuggiato con metà burro, fino a farlo imbrunire, quindi cospargetelo sulla pasta.

Ora non resta che adagiare il ripieno nel centro ma dando una forma allungata, e chiudere la pasta come a fare un pacchetto, partendo dai lati.

Fondete il burro restante per spennellarlo su tutta la superficie e infornate; dopo circa 40 minuti sarà pronto…andate “a naso”, per non sbagliare!!

Una volta raffreddato, si può cospargere con abbondante zucchero a velo.

Veloce, ma sublime!

Minestra “magica” delle 7 verdure

Come far mangiare le verdure con gioia ai bambini!

A casa nostra il minestrone non ha mai funzionato: quella cosa verde-marrone frullata, che non si capisce cosa contenga e da dove venga, proprio non piace.

Invece, i miei bambini adorano (e noi con loro) la minestra “magica”, che ho ribattezzato così perché faccio in modo che contenga sempre 7 ingredienti vegetali, diversi a seconda della stagione e dell’ispirazione. Il sette infatti é un numero magico, si sa, ma si dà il caso che sia anche il mio numero preferito!

Tornando alla ricetta, unico consiglio é di tagliare le verdure a cubetti piccoli (5 mm per capirci) e non cuocere troppo la minestra, per far sì che si distinguano i sapori. Il gioco, infatti, é far indovinare ai ragazzi che cosa ho messo dentro!

Zucca e patata, secondo me, sono essenziali, e se si vuole aggiungere un po’ di “sostanza” basta cuocere insieme, quando le verdure iniziano ad ammorbidirsi, un po’ di pastina all’uovo.

Ingredienti per 5 persone (ne avanza un po’ per il giorno dopo):

– mezza zucca

– 2 patate medie

– 1 carota (o un legume a piacere)

– 1 costa di sedano

– 1 scalogno (ma vanno bene anche cipolla o porro)

–  1 zucchina

– due manciate di spinaci (o cavolo, coste o catalogna).

Tagliato tutto a pezzetti, si cuoce in acqua per circa mezz’ora; alla fine un po’ di formaggio grana e pepe per i grandi.

Una tavolozza di colori e sapori che fanno tanto bene!

Chocos fritos (seppia fritta all’andalusa)

Sembra finita davvero anche questa estate: partita un po’ di soppiatto, ci ha riservato lunghe e calde giornate, con tanto sole e tanta voglia di stare all’aperto. E di ogni estate rimane un viaggio, e di ogni viaggio una ricetta. La nostra è il ricordo dell’Andalusia: due settimane di sole, onde, oceano, sabbia morbida e bagni freschi, testimonianze arabe e flamenco coinvolgente, tapas e cañas, all’insegna del buon vivere! Ma tornando alla ricetta, si tratta dei chocos, ovvero le seppie fritte: un piatto tanto semplice quanto appetitoso, che ho potuto replicare già durante la vacanza con grande entusiamo da parte dei miei bimbi…se lo rubavano letteralmente!

Ingredienti per 5 persone (come secondo piatto):

– 2 seppie grandi (circa 600 gr)

– farina bianca q.b.

– 1 litro di olio di oliva

– 1 limone

La bontà di questo piatto dipende tutta dagli ingredienti: seppia fresca e olio buono sono tutto quello che serve per un successo assicurato!

E abbiamo scoperto in Andalusia che si frigge solo con olio d’oliva!

Per prima cosa occorre pulire le seppie, togliendo l’osso, le viscere, gli occhi, il becco e la pelle. Dopo una bella lavata, asciugate e tagliatele a listarelle e poi a quadratini di circa 1 cm di lato, lasciando più lunghi solo i tentacoli.

Mettete l’olio in una padella larga sul fuoco. In un sacchetto per alimenti, inserite la farina e un paio di pizzichi di sale, quindi aggiungete i pezzetti di seppia e scuotete bene.

Estraete la seppia, scolando con le mani la farina in eccesso e tuffate nell’olio caldo. Meglio fare la frittura in più volte, per non far abbassare la temperatura dell’olio e assicurarsi una cottura uniforme.

Quando le seppie sono dorate, toglietele dall’olio con una schiumarola e adagiatele su della carta assorbente. Un minuto e sono pronte per essere gustate, con una spruzzatina a piacere di limone.

Sono ottime servite come tapas, ma se la cavano alla grande come antipasto o secondo piatto, dipende solo da quante ne friggete!

Ciambellona 7 vasetti 

Nel ricettario non poteva mancare la torta più semplice e veloce da fare di sempre, la  “7 vasetti”, però l’ho voluta  rivisitare un po’….questa è la versione che preferisco!

Ingredienti:

 – 1 vasetto di yogurt alla fragola

– 1 vasetto di farina integrale

– 1 vasetto di fecola

– 1 vasetto di farina 00

– 2 vasetti di zucchero

– 1 vasetto di olio di semi

– 1 bustina di lievito

– 3 uova

Tempo: 10 minuti per l’impasto e circa 40 di cottura

Sette è da sempre il mio numero fortunato: di sicuro questa mia preferenza nasce dal mio anno di nascita, ’77 appunto, ma con il tempo mi sono ritrovata ad essere la settima in tante situazioni e ad apprezzare la magia e il mistero che avvolge questo numero primo, da sempre.

Fatalità, il 7 aiuta anche i principianti in cucina o chi vuole fare una torta e ha pochissimo tempo.

Niente bilancia, solo una ciotola e una tortiera e, se proprio vogliamo esagerare, un robot da cucina o delle fruste elettriche.

Mescolate tutti gli ingredienti, tenendo per ultimo l’olio a filo.

Cuocete in una teglia imburrata e infarinata, a 180 gradi per circa 40 minuti.

Una volta raffreddata, cospargete con dello zucchero a velo.

Morbida e buonissima da inzuppare: non ci sono scuse!


Crostata speziata con confettura di prugne


Non la solita crostata, ma qualcosa dal sapore rotondo e pieno, ottima quando il freddo è ancora padrone della sera.

Ingredienti:

– 250 gr burro

– 400 gr farina bianca 00

– 100 gr farina integrale

– 160 gr zucchero 

– 2 uova

– mezza bustina di lievito 

– un pizzico di sale

– un cucchiaino di cannella

– 2/3 chiodi di garofano

– 250 gr confettura di prugne.

Impastate la frolla partendo dalle farine con il lievito, lo zucchero, le uova intere e il pizzico di sale. Aggiungete il burro a tocchetti (temperatura ambiente), quindi la cannella in polvere e i chiodi di garofano sminuzzati il più finemente possibile. 

Lasciate riposare l’impasto una mezzora, quindi rivestite una teglia da forno con metà di esso. Bucherellate il fondo con la forchetta e versate la confettura.

Con la pasta rimasta formate le classiche strisce, che vanno infine spennellate con un po’ di latte.

Cuocete a 180 gradi per circa 40 minuti.

Una spolverata di zucchero a velo e la vostra crostata, insolita e dai sapori ricercati, andrà a ruba.