Merluzzo con patate e olive nere

image

 

Il merluzzo é uno dei pesci preferiti dalle bimbe. Cotto con le patate e le olive nere acquista un sapore molto delicato, che può essere “rinvigorito” da una manciata di capperi, se vi piacciono.

Ingredienti per 4 persone 

– un merluzzo filettato (800 g circa)

– 3 patate medie

– una manciata di olive nere

– una tazza di passata di pomodoro o 250 g di pomodorini

– sale, pepe, olio evo q.b.

– origano

Sbucciate le patate e tagliatele a fette. Fatele cuocere in padella con dell’olio evo.

image

 

Quando manca poco al termine della cottura aggiungete il pomodoro, il merluzzo, le olive e l’origano.

image

 

Regolate di sale e pepe e girate il merluzzo un paio di volte molto delicatamente, continuando la cottura con un coperchio.

image

Servite con un filo di olio extra vergine di oliva.

 

Vellutata di porri

image

La vellutata di porri é un piatto perfetto per le stagioni fredde, ma che può essere gustato tiepido o freddo anche in estate.

Ingredienti per 4 persone (2 adulti e 2 bambini)

– 3 hg di porri (la parte più bianca)

– 6 hg di patate

– 40 g di burro

– mezzo bicchiere di latte

-1 cucchiaio abbondante di farina

– 1 litro di brodo vegetale

– crostini o 4 fette di pan carré per prepararli

Affettate i porri finemente e fateli appassire in una pentola con il burro e la farina. Fate attenzione che non si attacchino, mescolate spesso e tenete la fiamma bassa.

image

Tagliate a cubetti le patate e aggiungetele ai porri quando saranno dorati.

Versate il latte e ricoprite con il brodo. A piacere aggiungete qualche fogliolina di rosmarino. Fate cuocere per circa 20 minuti, a fuoco medio, con il coperchio.

image

Quando le patate saranno tenere potete spegnere e frullare il tutto.

image

Nel frattempo potete preparare dei crostini, tagliando a cubetti il pane e scottandolo in una padella leggermente unta di olio di oliva.

image

image

Servite la vellutata con una spolverata di pepe macinato al momento e un filo di olio extra vergine di oliva.

image

Gli gnocchi di patate

Immagine

Quand’ero bambina era sempre una festa quando la nonna annunciava di voler fare gli gnocchi e che aveva bisogno del nostro aiuto. Si rimaneva in fibrillazione fino al momento della cottura…”chissà se saranno molli o duri come piace al papà…” e per sicurezza avevamo in frigorifero una confezione di gnocchi pronti!

Ora ho il mio segreto per fare gli gnocchi belli sodi: oltre ad avere le patate giuste bisogna evitare che assorbano troppa acqua e aspettare ad impastare che si raffreddino un po’. E ovviamente, per rispettare la tradizione, li faccio solo quando ho a disposizione le piccole cuoche!

Ingredienti per 4 persone:

– 1 kg di patate “da gnocchi”

– 250 g di farina

– 1 uovo

– 1 cucchiaino di sale

– salsa di pomodoro, cannella, zucchero, parmigiano per condire

Per prima cosa lessate le patate con la buccia. Io le cuocio nel forno a microonde, dentro ad una ciotola coperta con l’apposito coperchio forato, per circa 15 minuti. In questo modo, oltre a velocizzare la preparazione, sono sicura che non assorbiranno acqua in eccesso.

Disponete la farina a fontana e versate l’uovo e il sale.

Immagine

Sbucciate e schiacciate le patate.

Immagine

Lavorate con una forchetta aggiungendo un po’ alla volta le patate schiacciate.

Immagine

Lavorate quindi velocemente con le mani infarinate, fino ad ottenere un impasto abbastanza sodo ma ancora appiccicoso.

Formate delle strisce e tagliate gli gnocchi.

Immagine

Ovviamente non verranno tutti della stessa grandezza, ma é questo il bello delle pietanze “hand Made”!

Come ultima operazione passate gli gnocchi sul rovescio di una grattugia infarinata in modo da formare un piccolo buchino che raccoglierá il sugo e un disegno che renderà il risultato finale buono anche per gli occhi.

Immagine

Immagine

Nel frattempo preparate il condimento. Vi consigliamo del ragù di carne (pronto, dal congelatore), oppure un sugo semplice di pomodoro e scalogno. Per i più golosi, gli gnocchi sono da provare con burro fuso, cannella e zucchero.

Cuoceteli in abbondante acqua salata: quando affiorano sono pronti da condire e servire.

Immagine

Immagine